Pagina:Comeddie.DeFranchi.1830.djvu/403

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

scian i sospiri, o genio intra, e fa camin. Vegnan poi i rivali, che fan de moen, e di pê per traversase, e disturbane. E raozie do poære, i scroppoli da mammà, di parenti; e gioxie caxonæ da sospetti insussistenti, centi, desperazioin, biggetti, ambascæ, paggi, serve, camerere avanti e inderê con tutto quello che segue. Questa è a vera manera d'andase disponendo per fâ l'amô comme và fæto. Son e rubriche da vera galanteria, da a quæ non se ne pœu dispensâ. Ma coscì uria, e boria, de ponto in bianco vegnî a un-na union matrimoniale: e fâ l'amô stipulando un contratto? Questo se ciamma piggiâ un Romanzo per a coa. Pappà caro mi ve diggo un atra votta, che in sta manera l'è un proçede a ra modda plebea, e dozinale. Me sento patî in veritæ de pensaghe solamente!

Pancr. Comme diavo parlævo? Ei piggiaò un stile elegante, sublime; sei deventæ doe mettastasie, doppo ch'ei letto i sò libbri.

Cat. Non se pœu negâ sciô Barba, che mæ Coxin-na agge toccao o ponto giusto. Ve prego a dine un poco a manera comme s'han da reçeive person-ne, che son coscì fœura da riga in genere de galanteria. Ghe scometto che questi doî signori non han mai visto a carta topografica do tenero.