Pagina:Comeddie.DeFranchi.1830.djvu/321

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia


Mon. (a Ottavio). Queste son duxento doppie, ch'o birbao a vostro Poære.
Ott. Ah caro ti me dæ a vitta.
Mon. (a Leandro). Per voî non gh'è stæto lœugo a fâ ninte.
Lean. (volendo andarsene). Dunque bezœugna morî, non gh'è ciù vitta per mi; senza a mæ cara Florinda (in atto di andar via).
Mon. Adaxo, adaxo. Sei coscì pronto a perdive d'animo?
Lean. (rivoltandosi). Cose vœutto che fasse?
Mon. Gh'è quarcosa per voî ascì.
Lean. Ti me restituisci a vitta.
Mon. Con condizion però, che me permettei de fâ unna vendetta da ninte contro vostro Poære, per quello ch'o m'ha fæto a mi.
Lean. Tutto quello che ti vœu.
Mon. Me o prometteì davanti a' testimonii?
Lean. Te diggo de scì.
Mon. Veivo chi çinqueçento scui (gli dà la borsa).
Lean. Andemmo presto a rescattâ quella che adoro (via).


Fine dell'Atto secondo.