Pagina:Cavallo Cittara 1665.djvu/261

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Chi mangiando re fighe savorie
O fæ sciuppa* ro sò Patron de rie

Quello degno Aze assie,
Che de poá ra vigna retrovà
L'invention, come chi hà letto sà,

E quell'atr'Aze là,
Ch'in corpo se caccia* senza bestento
L'Eneide de Maron con ra* Comento,

Anzi, che in pagamento
D'esta attion, ch'eroica se chiama
[1]Scrito in margine apuinto è l'Epigramma

Quell'Aze de chi è fama
Da Plutarco mentoù, come rà mimia,
Che l'era così bon meistro de scrimia,

Mentre con arte eximia
Introù in steccato con un gran Lion
Ro manda* con doi cassi à somboron.

Quell'Azenetto ancon
Che à Augusto, Ottavian, dixe l'historia
Predisse ra Maritima vittoria,

Onde lie* per memoria

  1. *Carminis Iliaci libros consumpsit Asellus
    Hoc Troiæ fatum est, aut Equus aut Asinus.