Pagina:Cavallo Cittara 1665.djvu/262

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Fe mette sciù re Nave in Pedestallo
Un'Aze de finissimo metallo.

Quell'Aze, e no Cavallo,
Che con ra zampa unna fontanna ò fè
[Miracori dra verga de Mosè]

Quello come se dè
Azenin da tegnì d'intro bambaxo
E gran Collega dro [Principe Tomaxo]

Dignissimo in sto caxo
Si son tutti quest'Azeni, che hò dito
Come se dixe in voxe, e lieze in scrito;

Ma puoè ro chiù polito
Frà quenti de memoria degni son
Nò haveiva ro vostr'Aze paragon

L'era Astrologo bon,
Che quand'à zappà in terra ò se metteiva
O con re oreggie basse ò se pasceiva

Rò chioeve ò predixeiva,
E drà Lunna da puoè bon mattematico
(E massime de marzo) ò l'iera prattico

Puoè se in stile Asinatico
Ro sentivi cantà, sunà ra Piva
Con una gorgia in diapente chi rapiva,

Così ben ò l'univa