Pagina:Cavallo Cittara 1665.djvu/260

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Quell'Aze così bon ch'iera [Profeta]
L'Azenin de Magon ch'iera Poeta

Quell'Azena discreta
Chì sunava à fræ Puttio mattutin
L'Aze dro Poere Bacco dè dro vin

Quell'atro de stoppin
Chi fava con re neghe ri menui
Quello chi vendè Plinio tanti scui

Quell'Azeni si drui,
Che domava Eliogabalo Roman
Quelli, che Marco Polo Venetian

Dixe dro Persian
Quelli Azenetti con ri quæ Rè Dario
Misse in fuga l'Essercito aversario

Quell'Aze commissario
De cinquecento in numero Azenette,
Ch'intra stalla Poppea se fava mette

Per havei morbidette
Quelle suoe Carnaxioin belle, e ben fete
Lavandose ogni dì de quello Lete.

Per stà ben sciù re dete
L'Azenetto d'Amonio così bon
Chi piggiava intra scoera lettion.

Quello de Filemon: