Pagina:Cavallo Cittara 1665.djvu/259

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Ni da ro Coè no se me parte muoè
Quelle bonn'erè,* e dose qualitè,

Quelli gesti assestè
Quella nettixie puoe dro meschinetto,
Che poeimo con raxon dighe Aze-netto.

Demostene dond'ietto?
Ti che l'ombra dell'Aze un di laodando
Ti te portassi in Grecia da un'Orlando?

Oh quanto miegio orando
Ti laoderessi quanto di se posse
Quest'Aze in ombra, in corpo, in carne, e in osse?

Un dì ro Padre vosse
Dighe solo Arila* porta ra soma
Parse, che ò l'intendesse l'idioma:

Hò per viero axioma
Se l'Annima dell'un in l'atro và,
Come dito Pittagora lascià,

O come è scrito là
De quell'Aze famoso d'Apuleo,
Che questo havesse in corpo un Galateo.

De Balaam hebreo