Pagina:Cavallo Cittara 1665.djvu/258

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Che l'Aze, ne per stà, ne per fuzì
A ro fisso destin puoè contradì

Ra sorte nò và a dì,
V'ha in fin vossuo priva* d'un tanto agiutto
Oura, che d'intre fabriche sei tutto.

Possè perde un Prezutto,
Posse anda approevo all'Aze ancon ro basto
E me crou, che re strie ve l'haggian guasto

Dame paxe no basto
Quand'intro con ro Padre in pensamento,
Che ò n'è futo da ri oeggi in un momento

Spario, come ro scento
Senza savei, che mà l'hà portou via
Se l'è steta hippocondria, ò appoplesia,

O pù dissenteria
Se ben, che a se itteritia mi me croù,
Perche l'oeggio ò l'haveiva conturboù,

Ma ro Miegho approvoù
Havere de Ciccorea un Gargarismo
Piggiando ro so mà per Priapismo.

Formoù ro sillogismo
Da ro veiro drizza* sciù con grand'asma
A coda ritta, come la Fantasma.

Ma ro miè Coè m'impasma