Pagina:ASLSP.VI.1868.A.Vigna.djvu/141

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

( 119 ) DOCUMENTI

et conditone, soto lo quale per li dicti ambassiatori lo cose serano state pratichate et restrette. Et se pur fose necessario far qualche additione a quello si fose praticato, etiam ne par tal additione se havere a fare, per haveire cum ello pace così necessaria a la salute di tute quelle terre. Et tamen se etiandio per li dicti ambassiatori non si fose praticata summa alchuna, ne pare habiati a dare commissione a quello mandoreti, che sopra tuto cerche de haveire la dicta pace soto quelli modi forme et obligatione de tributo, le quale consideratis terminis et conditionibus de le cose parirano utili a le prudentie vostre.

Se per parte di quelli di Caphà fose stato concluso termino alchuno cum la maiestà de lo dicto re, et voi intendesi che quello haveseno facto li dicti de Caphà fose sufficiente provisione et sigurtà a tute le nave et navigli nostri che intrasseno et usiseno del Mar Maiore, in questo caxo ne parrebe fose superfluo rimandare lo dicto Lucano ni altri a la predicta excellentia de lo dicto Turcho. Et pur se a noi parese essere utile et necessario che per lo ambassiadore nostro fose ratificato et confermato quello li dicti di Caphà haveseno concluso, a noi parrebe lo havesi a mandare per fare tal ratificatione. Questo insomma è quello ne è parsuto arricordarvi, et tamen remettiamo tuto a vostra discretione, li quali presenti havendo notitia di tute quelle cose, meglio sapereti tuta questa materia consegnare.

Preterea havemo inteizo como le doe nave cum li commissari erano in quello loco quasi derelicte. Noi per lettere nostre havemo commisso a li dicti commissari che omnino proseguano il loro viagio cum le dicte nave, et se pur ipse nave ni li soldati mandati in quelle non podeseno conducere, eo casu prendeseno altra nave cum homini CL. de li quali almeno cinquanta restaseno a la guardia di Caphà et in Dei nomine se meteseno a pasare: non sapiamo se queste nostre commissione siano state exeguite. Per la qual caxone ne par necessario prendere in questa cosa tal conclusione, videlicet se li dicti commissari foseno anchora in quello loco et non se podese haveire pace cum la maiestà del dicto Turco, in questo caxo omnino faciati che li dicti commissari passeno o cum quelle doe nave o cum una de loro o saltem cum altra nave et quello numero de homini havemo dicto, a ciò che per conservatione di quella amplissima citate de Caphà et de tante altre terre se facia ogni provisione possibile. Se cum la excellentia del dicto Turco intendesi omnino podeire haver pace como speriamo, in questo caxo ne pare li dicti commisari etiam mandati in Caphà ad exeguire le commissione a loro date cum dexe famigli per ciascuno di loro: intendendo sempre che utroque casu ne par necessario, et così vogliamo, ipsi commissari vadano in lo dicto loco quanto