Ms. Ricci 1080-1/12

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Cingaresca Zeneize
[p. 106 modifica]
Cingaresca Zeneize


1
Diè ve sarve Signoa
e ve conserve sempre
pre stane allegramente
in vostra vitta

2
Serto quando v'ho vista
zuro, che mancò poco
chein sprescia in terra morto
non cazesse

3
Per e vostre bellezze
ch'eì da capo à piè
che parreì squexi o sè
da mezo giorno

4
Me caccierè int'un forno
ben affogoù che o sè
e si me rostiè
pre vostro amò

5
Non sentirè dorrò
in quelle sciamme asseize
pre che de ciù asseize
ne porto à o cuoè

6
Ma digghe pù chi vuoè
che non n'ho visto atre
nè chi nè in atra parte
de ciù belle

7
Manco tutte re stelle
con tutti i suoè spenduoì
che vuoi sempre luxí
da tutte i hore

8
Serto se fuisse un zove
me ne innamorerè
e pre vuoi e batterè
à zuoeggia santa

[p. 107 modifica]


9
Starè dre giornè tante
senza mangià de pan
stenterè come un can
solo per veive

10
Seì gianca come neive
sei bella come un sò
e de ciù assè splendò
che non è ra lunna

11
Ma ve parrò importunna
quelle vostre bellezze
con quelle bionde trezze
vuoeggio laudà

12
L'è un gusto in mirrà
ra goa gianca de vuoi
che tutta à veì sciorrí
canestrelletti

13
E puoeran pignoretti
i vostri dentin novelli
e lavorè son quelli
à fì de granna

14
Manco a stella dianna
a non resplende tanto
come vuoi in'ogni canto
e in sciù ra festa

15
Se seì à ra fenestra
parreì giusto unna dea
e chi ve mira in ciea
se v'inchinna

16
Parrei unna Reginna
à ro spiegio mireve
beneito sè a muoere
che v'ha feto

17
Mi resto stupefeto
in veì quello bocchin
che o pà perle, e rubin
da infià

[p. 108 modifica]


18
Se o puoesse baxià
ogni votta, che vuoeggio
serto pagherè un'oeggio
da compagnia

19
E aora che per a via
ve staggo à contemprà
me sento in corpo fà
mille sciaratti

20
Ma non son desbaratti
che solo de parlà
me sento tutto andà
in'agro de sedro

21
Se vuoi serrè o vedro
son persa, e son dannà
non me resta un cuggià
de lete in sen

22
Sè dito tutto in ben
quelle vostre maschette
che puoeran doe rosette
delichè

23
Assì ghe zuggherè
che fuisse a fortunna
ò veramente a Lunna
in quinta desima

24
Ma se dapuoè trattemmo
dra grazia, ch'haveì in o riso
pareì giusto un pareiso
da ro barcon

25
Assì diggo da bon
non ve creì che v'abbertonne
che tutte re personne
se ne fan fore

26
L'è ben donque, che sciore

[p. 109 modifica]

o miè cuoè così afflito
donde veggo per drito
e per traverso

27
Per non haveì tempo perso
vuoeggio dì cose sento
e un'atro parlamento
incomenzà

28
Se ve vorrei maià
non stè à fà come mi
avvertì a dì de sì
se non n'eì voeggia

29
L'è ben unna gran doeggia
per che mi l'ho provà
quando me son maià
con questo zembetto

30
Mi ro mando à cornetto
de squexi ogni mattin
con a scusa dro coxin
c[']ò in quello luoego

31
Son piezo che intro fuoego
quando o l'è in casa liè
si ben son sò moggiè
mi tremmo sempre

32
O pà giusto un serpente
ch'esce d'intra tanna
o me fa e meizanne
in sciù ri oeggi

33
Ma non ve pueran suoenni
che se vorresse contà
e cose che o me fa
son troppo ingrate

34
O me fa lavà e pugnatte
piezo che unna Fantesca
penzè se staggo fresca
con sto mario

[p. 110 modifica]


35
Mirrè s'o l[']è condio
o non me fa de robba
e manco o vuoè che porte
o guardinfante

36
Pensè s'o l'è galante ignorante
o non sà che o gaggioè
l'è quello chi ghe vuoè
per e personne

37
Per fae tegnì bonne
e per fae vaghezzà
da tutta ra brigà
à chi stà à veì

38
Serto diggo daveì
quattro osse de ballenna
fan a donna zittenna
in ogni luoego

39
M'assendo come fuoego
quando veggo con i atre
che re veggo si larghe
con o sò gaggioè

40
Ma digghe pu chi vuoè
quà se sè bell'umò
me tegno à veì lò
e d'avantaggio

41
Basta che a coa aggian
per fà un pò dro grosso
da puoè Dio sà se indosso
han de camixa

42
Quando tira a bixa
e gente che non son strambe

[p. 111 modifica]

ghe ven tutte re gambe
con o resto

43
Se scusan presto presto
con dì che l'è o vento
chi ghe sciora l'argento
dre sò coe

44
Finna e fiatoe
intro borgo de Prè
gustan d'havei derrè
ro sò parmetto

45
E mi parlo schietto
c'han squesi feto ben
questi nostri zitten
à proibij

46
Se veiva chi, e lì
donne per a contrà
ra coa strascinà
come e signoe

47
In rebellà e coe
e in giexa con ro can
da puoè piggian o pan
de caitè

48
Se vuoi con lò parlè
sentì che o negotio
o e manten all'otio
con a sò raxa

49
E dentro in ra sò casa
questo l'ho sentio dì
se ghe porrè scrimì
con un spadon

[p. 112 modifica]


50
S'impastan con'ontion
ro sò morro de stucco
spm viegie com'un Cucco
e d'avantaggio

51
E così de passaggio
con ra man à ro pieto
per fà quarche despieto
à questa gente

52
O se vè à ro presente
vidoe, mariè, e figgie
andà con e bregidde
tutte fuoea

53
A non è cosa nuoeva
per puoeì miegio mostrà
s[']an feto fin taggià
o busto attorno

54
Mi staggo à veì che un giorno
piggian quarche pretesto
de vorreì mostrà ro resto
per usanza

55
Zà che non gh[']è ciù coa
s'inventan robba nuoeva
tutta portà de fuoea
da ri Franzeisi

56
O gh[']e zà quarche arteise
con quarche seatè
ch'han feto à so moggiè
o Ferriollo

57
Unna mazza sciù ro collo
a fà e què marij
che son matti spedij
per a moggiè

[p. 113 modifica]


58
E con o nome de Diè
incomenzè à mià
s'eì ninte da caccià
zù dro barcon

59
Caccieme un bon boccon
con unna porpetta drento
fè presto come o vento
ò mè angeretta

60
Ve ringrazio Zabetta
dro don che m'havei feto
che tanto non ha deto
Rè de Spagna.