Ms. Ricci 1080-1/13

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Villana
[p. 114 modifica]
Villana


1
Sarrà treì anni esto mazzo
che m[']è morto a me Zaninna
m'ha lascioù chi nuo, e grammo
con sta figgia chi fantinna

2
E con meigo l'ho menà
per sercara d'accordà
se serchè cos'a sà fà
o pancuoetto, e peveà

3
I corzetti, e cappellassi
e lazagne,e cori braschi
e per sciorte, ò per ventua
ve farrà unna gattafua

4
E puoè serto v'asseguo
se vorressi o pna duo
ve ro fa come unna toa
tanto a fa a pasta soda

5
E puoè quando a l'assottiggia
tagliarin per a Famiggia
a fa curlà ben o canniello
c[']o pà giusto un scigoriello

6
Se vorressi dà un duisnà
à unna personna de soggietto
un pastizzetto a ve sà fà
con un zemin de sevoletta

7
O' Zaninna andemmo in villa
à guardà o bancarin
con a tazza, e a luxernetta
a cazza, o piatto, e o pugnattin

8
O' Lucchin, Sentin, Andria
barba Antogno, e Franceschin

[p. 115 modifica]

Gioseppin, Zane Maia
Piero, Zane, Lucco, e Martin

9
Franseschetta corrì in fretta
va à piggià quello scosà
che besuoegna, che m'investe
c'hò d'andà à esse comà

10
Mettite sciù quello busto
chi è dro corrò dro ponsò
che non vuoeggio ch'in a valle
ghe ne sè come ro tò

11
Corrì tutti Fuenti, e Fuente
comenseve à remengà
e lavè tutte e scudielle
quanti piatti seglie in ca'

12
Corrì presto ba' Fransesco
à trovà o ba' Lazà
chie ve dagghe a paniea
ch'a serrà intro bancà

13
Aora zà che con maniea
vuoì me l'eì zà domandà
se ve daggo a paniea
ce a vuoeggio consignà

14
Ve consigno tre paette
sinque veste d'oinà
quattro, sinque, ò sei camixe
unna scoffia con un colà

15
Duoi ramaioè, unna caderetta
con tre fuse da fià
unna cazza, c'unna zapetta
per che o posse ammenestrà

16
E ro nievo, che ghe piaxe
per miegio a festa fà

[p. 116 modifica]

trè quarte de brenno all'aze
stamattin o l'ha feto dà

17
E l[']abuò non ghe vuoè fà torto
ma pre miegio faghe onè
o l'ha feto ammazzà un porco
p're fao cuoexe con savò

18
Franseschetta corrì in fretta
va à piggià quello tian
pre portà à ro forno a testa
c[']a sè coetta pre doman

19
O figaetto intra puoela
o fareì ben rostiggià
che con un spigo d'aggietto
l'aggiadda gh'oggieme fà

20
A coà l'è un desbaatto
non a cuxeì, lasciea stà
che l'alluego pre o gatto
che ancon liè s'ha da sciallà

21
Osciù donque i miè Signouì
L'è tosto lesto o disnà
commensè à piggià i stromenti
che a sposà vuoè un pò ballà

22
Ciammè un pò o ba' Tognollo
chi ne porte Michelin
chi ne piggie o scigoiello
con ra musa, e o Tamborlin

23
Deghe zù à quelle ingonaglie
e sunè s'orreì sunà
se no sinque, ò sei sunagli
presto vaggo à piggià à ca'

24
Deghe zù à tutti i muoei

[p. 117 modifica]

che voeggio che balle a sposà
c[']a l'ha unna panzà de coi
cha pà che a vuoeggie creppà

25
Non ghe fè miga gagiarda
pre che liè a non a sà fà
feghe musa à ra Lombarda
ch'è[sic] l'è usanza de Vadetà

26
Picche, schae, zappe, e schiele
comensene à piggià
e con sinque, ò sei faxielle
che a sposà se ne vuoè andà

27
O' Lazà dra bocca storta
corri presto, fatt'in sà
porta o lume in sciù ra porta
pre fà lume à ra sposà

28
E puoè quandoa l'undeman
a sposà ne fa levà
da o puoere a va cian cian
e comensa à sospià

29
Puoere miè cose m[']ei fuò
mi son tutta astrumazzà
che Tognin pre mè sposoù
m'eì vosciuo pre forza dà

30
Ho ri oeggi à mieze masche
si son tutta allandrigà
ne aspettè, che ciù me gratte
Puoere miè m'oeggio purgà

31
Sciù mandè à ciammà ro miego
se ro ben me vorreì fà
che un'inciastro sciù a piezo
pre o manco o me farà

[p. 118 modifica]


32
Così a l[']e restà d'accordio
zà che liè se vuoè purgà
o sò miego l'è Bettordo
chi l'è andeta à visità

33
Ben vegnuo messè Bettordo
dime un pò cos'ho da fà
piggiè o brazzo, che ve porzo
se o poso m'orreì toccà

34
Sarà quexi quattrosent'anni
che sei tutta astrumezzà
Lasciè un pò veì ri carcagni
che megio ve posse fà

35
Vuoi patì dro mà da testa
eì a muoere assè arraggià
intra panza gh[']eì unna gatta
meza coetta eì à coà

36
Ciammè un pò a commà Lucretia
pre che mi vuoeggio ordenà
atre cose che refreschan
pre che possè vuoi meggiorà

37
Sciò dottò con chì che tio
dime un pò cos'ho da fà
s'ho da cuoexe, ò fà boggio
cose diavo ho da inciastrà

38
Menta, persa, e valaianna
meza zucca maxinà
con trè peie dro ba' Pedanna
tutt'insemme eì da mes[c]cià

39
Zucche gianche, zucche more
con sinquanta peveioin
e novanta piè de coi
con unna quarta d'armorin

[p. 119 modifica]


40
Puoè piggiè unna pugnattinna
chi non sè guei remenà
con unna quarta de fainna
chi sè steta zà in bugà, ò siassà

41
Puoè mesciè tutt'insemme
e se questa non ghe và
puoeì pregara ch'ha se spremme
se dro corpo a non puoè andà

42
Miezo rubbo de puintette
con un quartetto de buoè
trentatrè castagne secche
d'allegraghe un pò ro cuoè

43
Se pre caxo o mà de muoere
a piggiasse in strangoscion
ammasseghe un mazzapreve
con sinque ae de moscon

44
Fè rostì mieza sigaa
che sè coetta, e assassionà
con treì manneghi de paa
che sen da rovere nostrà

45
Da puoè feghe un'insallatta
de retaggi de Guantè
e bruxeghe un pò de strazza
se pre sciorte a n'ha mestè

46
Se a meixinna a ghe fa torto
che a non posse meggiorà
ch'a non posse andà dro corpo
quest'atra cosa gh'eì da fà

47
Vintiquattro orive de Spagna
cuoette intre l'egua saà
con dra pota de castagna
chi sè spessa, e ben menà

[p. 120 modifica]


48
Piggiè chinse leitughe
che sen nasciuue da Denà
trentequattro indiviette
tutte cuoette da o Fornà

49
Piggiè chinze ravanetti
trentasei pesci saè
che sen cuoetti così schietti
che così sarrà assè

50
Sciò dottò tante ressette
gh[']emmo feto aora provà
ma pre dane e bonne feste
à l'atro mondo a se vuoè imbarcà

51
L'è ben assè che tante cose
no gh'aggian posciuo zovà
comenzeghe à sunà e pose
pre portara à sotterrà

52
Non perdemmo aora ciù tempo
zà che mi ho da strappassà
pre che un pò d'attestamento
serto che mi vuoeggio fà

53
Ciammè un pò o scrivan dra villa
l'arsipreve, e o Rettò
e me suoè, ciammà ra Lilla
che così sarrà meggiò

54
O Preve Zane, o Preve Fransesco
o Preve Lucco, o Preve Simon
Preve Ghigiermo, e Preve Battesto
e Preve Zane vegne ancon

55
Sciò scrivan steme un pò attento
e piggiè a penna in man
pre che un pò d'attestamento
vuoeggio fà così cian cian

[p. 121 modifica]


56
Primamente e mè raxoin
serto che e vuoeggio fà
in fra tutti o me Tognin
pre Patron voggio lascià

57
De sinquanta lire de duoetta
che me Puoere m'ha vosciuo dà
lascio che o paghè unna cuoetta
de polenta à o fornà

58
A Lucchin chi è steto accorto
chi non m'ha vosciuo abbandonà
mi ghe lascio miezo porco
con a scoffia dra commà

59
Lascio ancon à o ba' Tognello
chi m[']è vegnuo à visità
un Tambuo, e un scigoiello
con e braghe de mè compà

60
A Lazà dra bocca storta
pre che quando ero spozà
o m'ha feto lume à ra porta
mi ghe lascio l'oinà

61
A me suoè Cattainetta
ch'ha se posse maià
mi ghe lascio a zapetta
con o torzio dro moinà

62
A o convento dri Fratti
pre che me vegnan à piggià
mi ghe lascio treì chen bracchi
pre che possan andà à caccia

63
E a quello beccamorto
chi me porterà à sotterrà
mi ghe lascio miezo porco
con a trippa, e o bielo cuà

[p. 122 modifica]


64
Un pà de buoè con unna lieza
lascio à o Messè Labuò
pre che intro bosco da Miega
sento baxi liè m[']à duò

65
De ciù lascio un'atra zucca
ch'era dro compà Zenà
quando l'era sbirro à Lucca
con o nievo da mè commà

66
E zà che non gh[']è ciù ninte
addio me vuoeggio accommodà
pre puoeì ben tirà e strinche
e me ve vuoeggio arrecomandà

67
Addio donque à tutti quenti
zà che mi ho da strappazzà
v'arrecomando i Fuoenti
che non i lasciè andà à strà

68
Bonna seia à o compà Zane
addio tutti i miè vexin
ve prego che oggiè scusame
à reveise à doman mattin.