Ms. Ricci 1080-1/11

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Cingaresca
[p. 99 modifica]
Cingaresca


1
De sà da Capuanna
con sto pappiè in man
duoi di saran doman
che son partia

2
Per dà à Vossignoia
serte poche querelle
si ben son bonne, e belle
e me raxoin

3
Hieri duoi mascarzuin
me fen un brutto tio
che me verguegno à dio
per che son Figgia

4
Derrè un se m'asbiggia
em m'erze e fadette
e l'altro se me mette
drito davanti

5
M'attornian sti forfanti
con dì: semmo appostuoeì
e vorremmo un poco veì
che robba eì sotta

6
Ghe diggo: l'ho chi motta
de gratia no tocchemmo
per che se ne virremmo
da o Capitannio

7
Non ve poere de strannio
se l'ho sì rebellà
per chè me l'ha squarzà
quelli Treituoì

[p. 100 modifica]


8
Dapuoscia un de lò duuoì
me dè un spelinsigon
che me ghe bruxa ancon
Taxo dro resto

9
I danni ghe protesto
che in a robba m[']an deto
e ro mà che m'han feto
in a personna

10
Quest'atra ne mincionna
che à ponto m'è seguia
mentre m'era addormia
in sciù a carrega

11
Intorno à ra buttega
gh'haveiva serte peie
e questo solo de veie
l'era un'amò

12
Ghe passà un bell'umò
intro passà me descia
da puoe s'infia in sprescia
inta me porta

13
E mi che m'era accorta
che e peie o l'addocciava
e piggio e lie me brava
e si o me e strappa

14
Mi veggo che o non treppa
anzi che o fa daveì
ghe diggo: e paghereì
un schuo l'unna

15
Liè chi non vè nisciun
ne manco da vesin
me dà duoì scoppazzoin
e via Fragiello

[p. 101 modifica]


16
Se à questo Figattiello
non ghe ra fè pagà
ve zuo ch'oeggio andà
fin da ro duxe

17
Se ve creì che a non me bruxe
quest'insolenza chi
vuoi ghe virreì, ma un di
che si l'aggiusto

18
Non sò muoè che desgusto
me dagghe à re personne
che ogn'hommo me mincionne
quando passo

19
Se un pò de canavazzo
dro forte vuoeggio accattà
ogn'un dixe: commà
mi ghe l'ho grosso

20
Dixe un'atro: mi posso
davero assè ciu duro
che a Zena v'asseguro
non ghe n'han miga

21
Chi re neghe me pessiga
parlando con perdon
chi me spremme un limon
intro coppusso

22
Se vaggo da un ciappuzzo
per fame fà unna ciave
me dixe: posso fave
unna ciavveura

23
Se con ra mè fireura
serco guagname un pan
i linaioe me dan
tutti à baia

[p. 102 modifica]


24
E dixan: com'a s'aia
menella ben à rela
doppo con o cu da puoela
me tenzan tutta

25
digandome: ela brutta
in ciera a gh'a a moretta
da puoè me fan gambetta
per che cazze

26
S'occorre che m'assazze
quarche pà de scarpette
fin o garzon ghe mette
a sò sasa

27
e mentre o me a casa
o me dixe: bella figgia
casetta così stiggia
vostra suoè

28
Me ne vaggo dapuoè
così lì in verso seia
per accattame da teia
da fà camixe

29
Un buttegà me dixe
servive da mi allò
per che mi ve farò
bonna mesura

30
Un'atro me sconzura
s'oeggio da liè accattà
c[']o ghe ne farà scuggià
ciù un parmo, e miezo

31
Mi subito m'[e]lleso
quest'urtima proferta
ma essendo poco esperta
o me ra fessa

[p. 103 modifica]


32
Se aora ve dixesse
a burla ch'o m'ha feto
à dì cose gh[']è steto
ò ghe de brutto

33
Non ve vuoeggio dì tutto
vozemmo un pò o fuoeggio
per che mostrà ve vuoeggio
cos'ho chi sotta

34
Si ben a m[']e steta rotta
questa me scattoretta
virreì quarche cosetta
ancon d'intriego

35
D'unna grazia ve prego
quanto pregà ve posso
à non me montà addosso
ch'ò a carne pesta

36
Lagrime son queste
che Olimpia si buttà
quando ghe ra fregà
Birren treitò

37
Mirrè, che bell'astò
che hommi descorteisi
gravia de trezze meisi
ciantara li

38
Sciù un scuoeggio à l'appartorì
senza nisciun recatto
non gh'era manco un gatto
chi a soccorrisse

39
E seì se a ghe ne disse
e de tè, e de tu
a manco ingiuria a fu
Becco cornuo

[p. 104 modifica]


40
Questo chi pà velluo
l'è o vello chi portava
quando Angelica andava
da o sò Medoro

41
Questo è un corno d'oro
in ro què se trasformà
Giove quando o robà
a sò garzonna

42
Dra Reginna Maimonna
son questi i pendin
e questo è zobellin
da fà unna moffoa

43
E questa è unna Pantoffia
che se vuoi a portè
porrei di con veritè
che ve l'eì missa

44
E questa è unna sasissa
e questa è gattafua
e questa è confettua
de Bargaggi

45
Da meschià intri pottaggi
quest'è un'erba gentì
ma besuoegna avvertì
che ghe va pesta

46
Unna sanfornia è questa
mirrè che bella gassa
ve a suonerò in ciazza
e in ca' se vorreì

47
Aora voeggio che veì
si ben l'è miezo giorno
l'oxello chi va intorno
tutta nuoette

48
E fave saran cuoette
che m'ho feto per senna
me sento vegnì penna
per sta zazunna

[p. 105 modifica]


49
Se ghe fuisse quarch'unna
de vuoì c[']a bruxiasse
a goa c[']a no fasse
e parlè schietto

50
In ca' gh[']ò un bello letto
son de bugà i lenzuoè
l'è solo un'anno ancoè
che ghe i hò missi

51
Non ve darò pastizzi
faremmo unna frità
con drento un servelà
ben savorio

52
Osciù ve diggo addio
viso come seì vuoi
che se mi staggo chi
non vaggo à casa

53
Caccieme unna borraxa
ò quarche pastizzetto
ò pù un canestrelletto
ò un simmamollo

54
Vegno all'urtimo verso
pregando o Segnò devotamenti
chi ve presarve da o dorrò de denti
da cattivi Paenti
da Poveo inricchio
da cattivo maio
da bastonè pezanti
da finti amanti
da o fuoego landrin
da cameradda, che non beive vin
da suoexiora marotta
da Previ pre casa con ra cotta