Rime diverse in lingua genovese/Una villa me trovo si vexinna

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Rime diverse in lingua genovese de Poro Foggetta
Una villa me trovo si vexinna
da-e Rime diverse in lingua genovese, Bartoli, Pavia, 1588
cangiòu e u in v e viçeversa
clicca i asterischi pe l'errata corrige
[p. 39 modifica]

Una villa me trovo si vexinna,
Che senza tegni Mura posso stà,
Ni speiza de figon me conven fà,
Chi ro meschin patron sempre assasinna.

5Perche de frute sempre è l'è ben pinna
Se ben mi no ra fazzo moe zappa,*
Ni da leri l'hò causa da guardà
Dri què ra nostra terra è quaxi chinna.

[p. 40 modifica]


E Chiazza noeva, e* questa villa mea,
10E ro me bosco, e prao si è Carignan,
E ra marinna, e* ra fontanna mea.

E l'orto me si è, ro Bezagno chian
Si che a quest'atre ville ho poco invea,
Re que chiu penna cha diletto dan.

15Se ben ghe* l'ere san;
Ch'in villa in libertè chiu no staghemo
Anzi suggetto chiu cha à Zena gh[']emo.

Ni chiu re Crochie uzemo;
Che gianche noi citten sorva portamo;
20Quand'à ra logia, ò giexa se n'andamo.

E brutte le lavamo:
Ch'aura de taffetta de zentuni;*
In villa ogn'un re porta notte e dì.

Si che ogn'un chioca li;
25E Paraxi si grendi in villa femo.
Che Duchi, e no mercanti aura paremo.

E pochi frutti gh'emo;
Perche son ra chiu parte gratt'in ere,
Chi mi no gh'andereiva à vei me Poere.

30Ch'atro no ghe* cha i ere;
E da de denti pon i homi a ri monti,
O vive d'ere da Camaleonti.

E pu gh'abitan monti;
Chi se cren ch'esti monti scoggi, e sassi,
35Sen pareixi terreistri[sic], e giardin grassi.

[p. 41 modifica]


Che mangian barlugassi;
E un ben da mille forche han questi tè.
Chi villezan in monti si perè.

Che n'han sarvo murè;
40Ma in questa villa mè de chiazza nova.
Re frute d'ogni villa vegia, e nova.

E re suoi se ghe trova;
E lete, ove, e gallinne da tutt'hora,
E ogn'atra cosa infin da onze ra gora.

45Chi allegra e zova ancora,
Ma pu chi villa vo particula,*
Senza insi* fuò de Zena e cavarcà.

Chi, se ra pò trova;*
Perche su pe ri teiti dre ville hemo,
50E d'esse à Zena e in villa, e in chà di poemo.

Quando in terrassa semo;
E unna terrassa à zena* ho mi trovao,
Chi ha ra villa, giardin bosco, horto, e Prao.

Fontanna e beverao;
55E de Feripo d'alza* esta, è Terrassa,
Che ogn'atra villa de bellezza passa.

E de veira ogn'un sgoassa;
E però cerco con ri versi mè,
D'erze Feripo d'alza* fin à Ce.

60Perche ò n'ha mostrao le;
De superà con l'arte ra natura,
Perche, o l'hà sempre in cha fruta, e verdura.

[p. 42 modifica]


Pe ro so studio, e cura,
Però ra reixe d'esta mè foggetta.
Chiantà stà sempre in questa sò villetta.