Rime diverse in lingua genovese/Da Zena parto quaxi desperaò

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Rime diverse in lingua genovese de Poro Foggetta
Da Zena parto quaxi desperaò
da-e Rime diverse in lingua genovese, Bartoli, Pavia, 1588
cangiòu e u in v e viçeversa
clicca i asterischi pe l'errata corrige
[p. 37 modifica]

Da Zena parto quaxi desperaò
Perche da paro me no posso stà,
Che peraxi* da Rè se gh'usa fà,
E dorman ri citten dentro brocaò.

5E quaxi ogni personna da me graò
Caga in arinto, e in oro vuoè mangià,
E da Papa ogni dì vuoe ben pappà
E in stalla ten cavalli da Imperao.

[p. 38 modifica]


Però ogniun scachia, frappa, e va pomposo
10E ten paggi, e derre vuoè servitoi,*
Si ogni cosa oura chi ne costa un'oggio.

Però Zena à ri richi lascià vuoggio,
Dond'un povero spussa virtuoso,
No possando fa speize da segnoi.*

15E ri pubrichi honoi;*
A noi pa che no toccan zuro à Dè,
Che misso ro comun s'amo derrè,

E cascun fà per lè.
Si facemo raxon che se de pria,
20Quello Grimado che soretto cria.

Ch'o cerca compagnia.
Però ro comun poere oura se duoe,
Ch'o n'haggie in tenti figgi un bon figgioè.