Pagina:Studj di filologia romanza 9 1903.djvu/702

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

692 FRANCESCO LUIGI MANNUCCI

ello cercha penna e fayga e questo si convem che l'abia in questo mondo e in l'atro, si che in l'autro ello ha ço che ello deserve in questo mondo bem o mal, e sapi che lo mondo si e como lo fogo, che purificha le cosse bonne e degne e si arde [e] consume le cosse ree e mete a perdiciom, donda ello mete lo peccao[r] in profondo d[e] abisso e cossì am penna in l'autro e in questo mondo, ma li iusti si am in l'autro zo che elli dexiram e in questo ço che elli pom e volam soferí e cossì li iusti in questo mondo som piu contenti cha li peccaor no som ni pom esser, peroche elli som sempre abraxa' e acessi de lo fogo de lo mondo, chi may no li sacia, per darge piu penna e per farla piu confunde e vegnir a perdiciom; e, per tornar a lo nostro proponimento in questa rubrica è tractao, .....

Feancesco Luigi Mannucci. ^) Corr. : farli.