Pagina:Studj di filologia romanza 9 1903.djvu/700

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

690 FRANCESCO I.UKM MANNUCCI

Si notino ora nel brano seguente, a cui nulla trovo corrispondere nel Giamboni e che attribuirei al traduttore, le peculiarità avvertite più sopra. Vi si discorre prolis- samente dei nemici dell'uomo. Codice, pag. 130:

.... e in quella tomeremo, cossi como Deo comanda, quando ello dixe: tu é zener e in zener torneray; e imperzo se po dir che lo corpo si ù um vaxello e una prixom spuçente e de vil condiciom, unda l'anima si è terminá a star. Uno tempo ela intrò, si se purificà segondo la soa vertue, che, se ella è virtuosa e piacente, ella si fa finna e, si no se po piu brutar per la gracia e l'amaystramento, che Deo g'a dato, onerando li remedy chi g'am mesté, ma, se ella è pocho vertuosa e no vogia usar li remedy de vertue, che chi g'a comisso Deo, ella si se bruta e si devèm de vil condiciom per soa caxom, che se po valer, se ella vol, e netezar per li amaystramenti, che Christe ge ordenà bem, quando ello era a lo mondo, che caschaum po e dè imprende che vo; e, no vogiando esser neta, convem che la vaga a lo logo unda le cosse brute som ordená a star, zoè in brutezo e spuça e penna e langor, chi è apellao lo profondo d[e] abisso; e questo si è raxoneyve che zaschaum staga unda ello piu se contenta, si che quilli chi se contentam de star intro vil cose e spuçente e penose, si è bom che ge stagam e questi som li peccaor chi no volam contrastar contra le bruteze de questo mondo e lli iusti, chi le refuam e lle contrastam, si è raxom che elli no abia[m] mal, ma siam mixi donda elli dexiram esser, in cosse nete luxente e olitoxe, zoè lo regno celestia[l], de che lo segnor, pim e abondeyve de ogni puritae e de ogni perfectiom de bem, si governa quello reame dignitosso de chi ell'è, e in questo receve tuti quilli chi som digni de star, e quilli chi no ne som digni, como e' [o] dito, si vam in lo reame tenebroxo, [unda] sì e penna dolor e tribulatiom de ogni condiciom, perzo che quello logo si guarda e governa Sathanas e li soy conpagnom chi som li angelli maledicti da Deo chi fom descazay de lo so regno glorioxo per le soe iniquitae e malicie e ostinay in soperbia e orgoio e per la soa malicia e iniquitae elli si perseguam e combatem in ogni modo che li po[m] la humana generatiom, como invidioxi de l amor e de la gracia de Deo, che elli am perduo per lor caxom ni may la pom recuverare, tanto som ostinay e abominay in la lor iniquitay; e pero ogni cossa che

  • ) La similitudine occorre pure nella parte tradotta, a pag. 120.

■) Corr. : s afinna. ^) Porrei " unda ,.