Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/23

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Mio Polineſſo ingrato, Polineſſo Adorato !

Pol. Miſero ! mà che parlo ?altr'armi, altr'arti Sì sì per via d'inganni Farti mia l'alma ſpera Cara bella, mà fiera.


Scena nona
Caporale.

Za che voe ro destin,
Che stagghe in questa terra,
Terra da fà pugnatte
Con fà ro miè mestié de guarda spalle
Mé son trovaò da sbatte.
Che sta Ponseverasca,
Chi hà fæto ciù scabeccio
Che nò fa ro lebeccio
Bollezumme, e borrasca,
Con fà d'ogni erba un fascio
Mè fà guagnà rò giascio:

O Zena, bella Zena,
O libertæ da matti
Quanto t'hò sospirao!
Mà stimmo, che assi poco
Ti non viræ si spesso
Un altro paro mio
Bravo à rò mesmo tempo, e leccaresso.
Che veramenti à dissera
De fà leccummi, e intingoli,
Potaggi, e condimenti