Pagina:Rime diuerse in lengva zeneise 1575.djvu/20

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

7
Zà s'accosta ra notte, se ben voi
Parei da mezo giorno ancora fé
Ch'in cangio d'oggi havei si chieri soi
Che l'Orba Zena tutta illuminé,
S'arví donca vorrei ri boschi a noi
Che ra luxe in voi manche no aspeté
Che ro dì presto passa, e notte ven
Che intrá chiu pe ri boschi no conven.


Se questa è neive chi ven da ro cé
Come a ra sò gianchezza vei me pá
Come diavo ghe puoe drento stá
Ro fuoego, chi me bruxa si crudé?

Se l'è un marmaro giancho dritto in pé
Come ra sò durezza puoe mostrá,
Come diavo fallo a caminá
E a tirá frecchie come un barestré?

Ma se l'è Donna pù de carne, e d'osse
In terra come a pá, ben hò certezza
Che vei chiù bella cosa no se posse.

Che l'è chiù bella dra mesma bellezza
E chiù bella sareiva s'a no fosse,
Chiù dura ancora dra mesma durezza.