Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/70

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia


Puo con doi oggi, como haveivi avanti
10Anzi con doi bruxenti, e chieri Soi
Bruxavi, e orbivi, ri vostri galanti:

Si che chi d'un sol'oggio, ha priva voi
Ro lume hà reiso a mille, e mille amanti,
E liberè da fuoeghi e da bruxioi.

15Ma per voi e per noi;
Guardeve l'oggio bon chi v'e restao,
Perche aurà* cavà i oggi e* monto usao.

Che se quarche arragiao;
Quello doce oggio ve cavassè asi,*
20Direimo bonna notte a mezo dì.


Donca se no son giano e affiagao
Ne chianzo sempre como ri figio,*
Voi no ve crei Minetta ro me cuò,
Che per voi notte, e di caghe bruxiao?

5Sachie* che tanto fuogo e* in mi serraou
Che o no me lascia lagrimà de fuo
Che ra sciama l'humo* sciuga à ro cuò,
E fuo me fa parei rosso e affogaou.

E s'intra vostra dose fontanetta
10No me lascie* ra testa subacca*
Fin che ne sciorbe quarche goraretta.

Chi sola esto gran fuoego puo amortà
Ro cuò me bruxiera* per voi Minetta
Ch'in tanto fuogo o no puo chiù durà.

15Arvime ra Canà;