Pagina:Rime.diverse.1612.djvu/183

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Che quanto prima poeì, ne ra mandé;

Ch'haggiandone un bozé
Da tutti ri segnoi dra vostra schutera*
Ne porressi incassá na mezeiruoera;

E azzò non ne sè fuoera
Chi no havesse de vin, feghe unna tassa
Ch'o ve preste per mettero ra cassa,

Ro papié me ghe lassa
Ma resto a dive, che ri fiaschi pin,
Averti, non mandá dri chiu picheri,*

Che quanto chiù de vin
Ne bagnerei re lerfe, e nui lantó
Sciugheremo chiù inchiostro in vostro honó

Ne farei stò favó?
Possemo nuì speraghe? cosi divo?*
Ma ro fareì che seì caritativo;

Atro chiù non ve scrivo,
M'era desmentegaò, che per ro costo
N'aspieté tanto amabile a ro mosto,

A ri trezze d'Aosto
De l'anno apruovo a ro seicento diexe
Che non pigiassi erró. Vin de seriexe.



M'è capitao de vin ri fiaschi sié,
Che dra mé musa a ro stagnon zá chin
Spoento havé l'egua, e perso ro bocchin,