Pagina:Rime.diverse.1612.djvu/175

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


E se nò spendo, e spando nò ghe voere;

Mantiegno fuoe de caza un servitó,
Perche vivo suggetto ancora a moere;
Ma mille votte chiù soggetto a Amó.



Me dechiero, son schietto, e si no adullo
Mi non scrivo toscan per no saveì
Ne che tampoco sé Pueta ve creì,
Che n'intendo Virgilio ni Catullo:

Ma scrivo a ra Zeneize per trastullo,
E ben spesso per raggia, come veì,
Fazzo in un'hora duì sonetti, e treì
E n'ho in trei meisi impio quasi un faullo,*

Che mi ri buetto la cosi de tiesta,
E cosi a vista d'oeggio te ri taggio,
Che n'ho cervello andá per feste in chiesta;

Questo ve diggo ben, che non rettaggio:
Dro resto so, che no haveran requesta,
Ma non ne paghereiva un spigo d'aggio.



Meschin Ro Porco si resta* de fuoe,
che nissun moe s'arregorda* de lié;
Quando re Crava, ro Lion, ro Buoe
Foin mizzi in Cié per lampe, e sexendé;

Ma con ri vostri versi, o bella suoe,
Haora se trueva in su ri sette Cié,