Pagina:Rime.diverse.1612.djvu/174

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


A ri oggiè de pescá portei ro vanto.


Dra vitta dro villan son bello matto,
Sempre ra liezo, e me ra tiegno amente;
Staggo a veì, che sto libero m'intente
De manezá ra Sappa, e ro penatto.

Se ro liezo chiù gueri un di m'accatto
Un sigoriello, e puoe galantemente
M'accompagno, e si chianto ogni parente
Con ro pimo* villan, con chi m'imbatto.

Vuì segnó Gian Vincenzo havei virtù
De fá, che re castagne, e i fighi secchi
Le manderan come confieti zù.

In miezo zà dre piegore, e dri becchi
Me poero tanto haora ghe penso sù.
Sorte mandame là tra sassi, e stecchi.



Za che de mi cerché relation
Per nó haveime moe visto intro mostrazzo,
Aposta questo schizzo de mi fazzo
E a vuì ro mando come a mië patron;

Ve diggo in prima, che ricco non son,
Ma che non son tampoco un poverazzo,
Nó tratto con nissun da faramazzo,
E ogn'un tratta con mi come è raxon:

Mi n'ho bellezze, ma solo un pó d'ere
Son grande, e viesto, e si me fazzo honó,