Pagina:Ricci176.djvu/543

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia


Congiughé un poco ben ro verbo memini,
Se vuoi ciù così li fé commoramini,
Besuoegnerà de vuoi che lamentemini.

Perchè sto vostro longo conversamini
Farà troppo dorive ro preterito
Per vorrei troppo fá multiplicamini.

Mi perchè son a vuoi dro tutto dedito,
Non vorré za che ve deslomborassi,
E tutto de malanni andassi predito.

Quello che parlo, oré che vuoi stimassi
Solo per vostro ben; l'è a mé inquietudine
Tanto ve vuoeggio ben, si ben crepassi.

Sció Alberto caro quest'amaritudine
Levemera d'in cuoe, ve a diggo s[c]cietta
Fin che mi poss'usave gratitudine.

Lascié stá Nervi, e Ciavari, e con fretta
Retorneven'a Zena fin che puoei,
Temmo troppo v'inquiete ra braghetta.

Ve ro diggo si ben no o crederei,
Mi ghe patiscio troppo senza vuoi,
Perchè vorré de longo puoeive vei.

Pruoevo solo per vuoi questi rancoí,
Che senza vuoi mi no sò comme fá,
Ne essendo vuoi lontan sò comme dí.