Pagina:Ricci176.djvu/47

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

Eccame intorno li
Un sbiro che mirando in traversinna,
Doi massi o tira fuoe de terragnin[n]a;
In feta fin per quanto posso vei
Chi se ghe fa da vei,
E mentre a concordase o no s'accorda
Per ninte l'umó mé con quella corda,
E la: ghe sbraggio forte d'importantia
Tu es asinus è bonna concordantia?


A sò cugná per unna serva ch'a voreiva


Carissima cugná,
L'è quattro di, che me ne ven ra smannia,
Perchè vuoi e sei steta mincioná,
Comme se dixe, sciù ra capitannia;
E per mettev'inanti a ra bonassa
Tutto quello chi passa,
Per destendeve in scrito
Our'oura chì ro feto,
Saccié che mi son steto
Sempre sciù quella Donna, che m'hei dito.

Si che, l'atra mattin,
Mi haveiva pe re moen
Cosa chi v'havereiva deto gusto,
Ma in fin con mé desgusto,
Quande me penso havei tutt'aggiustoù,
Tutto m'è in fin mancoù;