Pagina:Ricci176.djvu/293

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

Sfogan ra raggia con re bastoné:

Ma con vuoi deporté
Non se sareivan za de sta manera,
Perche haveren sentio ro sicut era,

Che con ro naso gh'era
Ra conseguenza in argomento vivo,
Che corresponde ro correlativo.

Mi puoe me sottoscrivo,
Che se questo chiguoemaro porpuo
Foise in pezzi affettoù così menuo,

Ghe zughereiva un scuo
Che cavane ro quinto non porré
Un computista in vintisei giorné.

Se per curiosité,
Sto ravanetto chì foise arrancoù
De donde vuoi l'havei così areixoù,

A portaro me croù,
Che gh'oré sei fachin con ro stangon,
Comme ro rappo de promission.

Quando sto zerzellon
Esce fuoera de ca', de chì, de lie,
Ogn'un dixe: fé ruoso, che l'e chie.

Tent'oeggi, e tante die,
Che s'asbrian a miraro sto ramponso
Se foisan freccie, l'haveressi acconso,

Ve l'haveren desconso,
Standoghe attenti comme ra cometa,
De stá sciù quello morro a dá ra meta.

Dic mihi Dameta!
Cosi senza ri frazi, sto nasetto
Quanto poreivelo ese in peiso netto?