Pagina:Ricci176.djvu/11

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

Corse a baxá d'onde mettei ro pé.

Con egue, che brillando
Dixeivan mormorando,
"Patronna eccave chì, ve semmo sciave,
Vorremmo refrescave,
Oura, che da ri pé d'unna reginna
Passemmo a dá tributo a ra marinna.

Oura che da re spalle
Chì de tutta ra valle,
A nomme universá dro territuoerio
Con doce tremeluoerio
Vegnimmo con quest'humida lenguetta
A leccave per fin da ra bocchetta.

Anzi, de ciù d'in sciue,
Fin da ro Cé vegnue,
Mandé da ro Pianeta, chi ne domina,
Che, comme vuôi se nomina,
Adoremmo in destendese per terra,
Dopp'unn'in Cé un'atra Delia in terra.

Ma non solo per vuôi,
Chì se vè resprandí,
L'egua cera, e brillante ciù dro solito,
Che da per tutt'in giolito,
Pá che riando tutta ra campagna,
Ciante, herbe, frute, scioi diggan cocagna.