Pagina:Ra Gerusalemme deliverâ.pdf/138

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

75
Comme un moscio cavallo, che intr'a stalla
Solo all'uso dra guerra è destinaoù,
S'o fuzze, o l'ha fortuña chi l'astalla:
Dri pê o non tocca terra sciû ro praoù,
Ra cioma ghe sbattuggia sciû ra spalla,
Ra côa in ærco, e ben drîto incolaoù.
Dre zampe pâ ch'o faççe dri corzetti,
O tira câsci, (e con respetto) petti.

76
Tale, e quale me pâ che sæ Argillan,
Chi ven zù tutto furia sgambettando:
Læsto sciù ri scarpin, pronto de man,
Che appeña dri pê terra o và toccando:
E arrivaoù donde ri nemixi stan,
Senza soggetto, i fæti sò faççando.
Chi ve fa tanto ardîi, feçça dro mondo,
In âta voxe o cria, birbi de fondo?

77
Voî, che per sto mestê non seì nasciûi
Nê in dosso ei mai portaoù scuddo o armadura,
Ma che sempre descâsi, e mêzi nûi,
Tiræ botte all'orbetto, e a ra ventura:
Solo de nœutte fæ da bravaççûi,
E int'ra nœutte ciù neigra, e all'ombra scura?
Aora che a fuzze, chi ve darà aggiutto?
Armæve: e fæ dro cœu: che o ghe vœu tutto.

78
Così parlando, un taggio de squarçiña
Ad Algazello o dè intr'o canorêzo
Che ra risposta, chi era lì vexiña,
D'in gora a uscì squæxi spartîa int'ro mêzo:
Ra vista o perde, e l'añima tapiña
Con ro diavo a và a provâ de pêzo;
E spirando boccûo, ra scimiterra
O roziggia, e o se rumma zù per terra.

79
Pœuscia per varj caxi Saladin,
Muleasse o l'amazza, & Agricarte;
E a l'Aldiazel, chi gh'era lì vexin
D'un corpo o te l'infîa da parte a parte
Ro stœumego o pertusa ad Ariadin,
E l'ammuggia intr'un canto all'âtra parte,
Con dighe dri desprexi: a re pontose
Parolle intr'o morî così o rispose.

80
Seggi ti chi se sæ: de questa morte
Ti non te ne daræ gran tempo vanto:
Ra mæsma fin t'âspeta; e uña ciù forte
Man te destenderà da st'âtro canto.
Argillan se ne rîe; e dra mæ sorte
Cure ro çê, o ghe dixe: ti va intanto
A êsse pasto dri Chen, dri Crovi, e oxelli;
Poi ro calpesta, e o te ne fa strepelli.

81
Un paggio dro Soldan mesccio era in quella
Gran turba de lançanti e frecciadoî,
Dro quæ ra faccia molexiña e bella
Ra barba non crovîa dre primme scioî:
Doî œuggi furbi, e ognun ve pâ uña stella,
Perle e rœuse re stisse de suoî.
Quell'aria brusca, in quella zovenetta
Cêra, e tutto ghe fava dra graçietta.