Pagina:Noberasco.Antologia.1930.pdf/24

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

Pe ün-a gran turre s’onura Ligurnu,
Zena dre ville che ha sì bélle atturnu,
Pe ru bun portu se prexa Messin-a,
San-a se vanta d’ün-a Fregatin-a.


PANTALEO MURASSANA

Genovese, stabilitosi giovane a Savona. Contemporaneo e amico del Chiabrera. Tavernaio e liutaio, uomo giocondo e ridanciano. Si occupò anche di storia locale. Della sua musa plebea offriamo alcuni saggi inediti insieme con altri già pubblicati da Agostino Bruno e da Filippo Noberasco.


Cristoffaro Colombo a ra scoverta de re Indie


Dra marinn-a ra stradda lé o piggió,
Vortandoçe a ponente, e ghe fue greve
Che ra fameggia a Sann-a e ghe lasciò.

Poi studiando ra via assae ciû breve
Per andä a re Indie, con trae cochie de Spagna,
Forza é che ro mä scuro o ro riçeive.

E navegando in poppa donde o bagna
Re isole Canarie e Fortûnae,
O l’arrivó a ra taecra* da Cuccagna.

Mi no ve diggo se ri marinaê
Aggian gozzó lazzû fra re macacche,
Che pe angeri de nivoe l'an piggiaê.

Sciammi de beu, de pegore e de vacche
Andavan pe ri prae cornine a ra fera,
Fra ri ommi pin de ciûmme e de pennacche:
Lá Colombo o ciantó ra seû bandera.


Randa Pastorale

Pastoî semo, donne mae,
Che in montagna ve inviemo,
Perché dave lá vogiemo