Pagina:Madrigali.Ruffo.1560.djvu/31

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


ögio vei

Pe re suö belle gioie ogni giolî
Pe re suö belle gioie ogni giolî
Però però davanti a voî
Però davanti a voî vegnui semo
Noi che dre belle gioie ve portemo
Noi che dre belle gioie ve portemo.


Terza stanza


Doncha dre nostre perle oro e rebin
Fë baratto con noi per gientillezza
Ne aspettë che dra testa l'oro fin
Devegne arinto e perde ra bellezza
Ch'estro[sic] vostr'oro e gioie han presto fin
E presto guaste son da ra vegiezza
E come guaste donne i averei
A baratâre puö non troverei
A baratâre puö non troverei.