Pagina:Lamento.de.Lucrezia.djvu/2

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


ah man itta peosa
che ti ghe dessi dro rizuoè in tra tiesta
per che no me det[o] auoa in sciù pre questa[?]
Donca a sciò dri mainè e da calladda
l'ei streppellà con e sasciè, canaggia,
e mi non o viò ciu
tornoù da vende arsielle e pescà zin
stà sotto i miè barcuin
ni vegnià ciu chie
ah me pertusa a chi fa fiè de mie.

Chi me disse: bià tie
ciode, ciode ra bocca
ch'ogni desgrazia sofferì me tocca.
Ah Amò mascarzon
ti m'impoai con dì:
Lucretia n'haggi puia
ch'oeggio ancon un di, che ti me stagghi alliegra.
Si, staggo alliegra un corno chi te passe!
Ah che aoa che Bellè non è ciù vivo
Morte ammazzame pu che t'arreffïo.

Ohimè tra tenti sassi
no troevo un chi m'allappie
Ma mi cose dighè?
Donca, Bellè, no se fa ra endetta
de chi t'ha feto andà intri despiggi?
Sciù darsenielli figgi
Mieza-nega, Capocci, Oeggio-de-porco,
che pre ommi de itta, in terra e in mà
fè caminà
Liouin de forza e draghi a ra battaggia
orei che sta canaggia