Pagina:Lamento.de.Lucrezia.djvu/1

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Lamento de Lucretia
pe a morte de Bollè so galante


Sasizza un darseniello
inscïo no sò in che muoeo
da a battaggia in o mà sterpelloù,
che a màlëde o puoè ciù trà o scioù
a Lucretia gratiosa
luxe dri oeggi dro compagno cao
porta nuoeva dro diao
dixe: Lucretia ohime son tristo oxiello
quelli dro Muoe fen costion con nuì
mi da lò pertusoù com'un serneggio
chi te vegno a muoi
acciò dri oeggi tuoe l'ultimo ciento
aggie o povero Bellè,
cianzi Lucretia ohimè,
cianzi dro Siè ro torto
d'unna sascià, ro to galante è morto.

Sento garzonne alloa s'odin crià
e tutte come tapinne
dase pugni in tro morro
descaeggià teste e scarpentase i oeggi
e squarzà busti e streppellà camixe
Lucretia de dorò
scarmenà che sentia tutto ro Porto
zà che morto è Bellè no ve ciu conforto

O Bellè figgio cao
chi t'ha deto, miè cuoè, l'annima mè
bielo d'esta mè trippa, e ti no parli?