Pagina:Giornale Ligustico 10 1883.djvu/347

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

GIORNALE LIGUSTICO 345

20.
Or chi à lo cor si ferito,
chi non senta lo to dozor,
de quelo fruto beneito
de l'arboro piantao d'amor?

21.
Pianzamo davanti allo Segnor
graindi e piceni ata voxe,
che ello ne dea paxe per la croxe,
e si ne meine a lo so regno beao.



XX.
De la passion de lo nostro Segnor Iesu Criste.


1.
Or pianza ogni homo
graindi e piceni
la passion de lo doce
Iexu Criste.

2.
La nostra dona pianzeiva
cum grandissimi sospiri,
et si dixea:
oimè dolenta mi!

3.
O fijor me de bone aire,
che don far ni dire,
che senza alcuna corpa
e' ve vego morir?

4.
Oimè Zuè,
mar l'avei cognosuo!
Lo mio doce fijor
per voi era vegnuo:

5.
li ciegi ve à sanai,
e tuti li siray;
morto l'avei,
oimè dolenta mi!

6.
O doce fijor,
or guardai inver mi:
la toa dolenta maire
si la conforta un pochetin.

7.
Or mandame la morte,
che e' volo pu morir;
non me lasciai pu viver,
fijor, derer da ti.

8.
O doce maire,
pregove, non pianzi;
zo che piaxe allo me paire
me conven soferir;

9.
lasciove Zoane
lo me zerman coxin,
chi serà vostro fijo
e vostro bon amigo.

10.
O doce fijor,
o doce amor gentir,
alegreza de li angeli,
luxe de paraixo,

11.
or me roman un homo per voi,
e si lasso lo celestial ;
oimè dolenta,
che cambio è questo!

12.
O Madareina,
o doce sor gentir,
forte pianzi cum meigo
voi e Zoane insieme

13.
lo vostro bon maistro,
che li Zuè mareiti
senza arcuna corpa
in croxe lo fen morir.

14.
Pianza lo cer
cum tuti li angeli,
lo sol, la luna e le stelle,
lo aire cum li oxielli,

15.
la terra cum li arbori,
lo mar cum li pessi,
lo lor Creator pianzan,
che ancoi vor morir.

74, deb. XX. V. 1-2. —Nuovo dubbio. Abbiamo liisciAU U ripresa come è nel ms.; &cen<lone quattro versi, si avrebbe • Or pia,na ogni homo^ £raindi t pUtni I passion Ì€ lo doct Jexu Criste. V. 3. e tegg. — Abbiamo disposto ancbe questa Itode nella solita forma di ottava attenendoci, quando potemmo, nel separare i versi alla divi- none indicata nel ms. dalle consuete linee. AnJie qui giovava forse rispettare di più il ms. e adot- Q) F. txxxiii r. tare la Quartina a versi accoppiati, in armonia quindi alla ripresa? V. té. — Siray è un* altra incognita : è da intendere : « e tutti gli siete irati ? • Si avrebbe cioè si' (siete) iray raso in siray^ ma sf per sei sarebbe un &««; aiyóìacvov in queste laudi. Vedi sirai anche nelle « Rime Genovesi » [La- goraaggiore] CXXXU, $, ma non ha forse a vedere coi nostro. V. 5i;.s8. — Mei ms. : Pianga lo cer eum tuti li angélif lo sol la luna e le stelle lo aire cum li oxielli / la terra eum li arbori / lo mar eum li fessi/ lo lor creator pianzan / che aneoi vor mortr. O P. Lxxxnx V.