Pagina:Giornale Ligustico 10 1883.djvu/348

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

346 GIORNALE LIGUSTICO


XXI.
Lo lamento de Maria Madalena de la passion de Criste.


1.
Cum voi pianzo, Madareina,
cum voi pianzo in compagnia,
che alla croxe voi pianzesti
cum la vergen Maria.

2.
Maria pianze Madareina,
tuta pinna de gran peina,
che lo so doce amor se meina
alla croxe in questa dia.

3.
Criste la croxe portava,
fuora de Ieruxalem andava,
la Madareina lagremava
cum la dona in compagnia.

4.
Criste sun la croxe stava;
la Madareina gi aguardava,
pianzando forte si criava:
et questo lo to fijor. Maria,

5.
chi le peccae ne perdonava,
et lo mondo illuminava,
et li morti resuscitava?
Oimè, trista in questa dia!

6.
O Zoane evangelista,
comforta in poco questa trista:
e questo è lo nostro maistro,
chi in Betania vegniva?

7.
Zoane respondeiva pianzando:
Madareina, non pianzi tanto!
Lassa pianze a mi dolento,
chi son lo peito gi dormia.

8.
Et la Madareina pu criava,
et la croxe ella abrazava;
allo so maistro aguardava,
chi per nostro amor moriva.


XXII.
Della Passion de Iesu Criste.



Pianze Maria cum dolor,
che g'è tolto lo so amor.

1.
Et ella lo vi preixo e ligato:
lo me fijor delicato
alla colona l'àn ligato
como se ello fosse un lairon.

2.
Quando vegne alla hora matutina,
elli gi den tar disciplina,
che elli gi rompin ogni venna,
lo sangue correr a gran furor.

3.
Quando la croxe ello portava,
e dolenta derè i andava,
e fortemente e' criava:
daime la croxe, o doce amor.

4.
E' ve vego si penare:
lassa, non ve posso ayare,
non me posso consolare
senza voi lo me Segnor.

5.
O fijor me, chi me v'à morto
a peccato et a si gran torto?
Oimè, lassa, lo cor de lo corpo!
E' si moiro per voi, doce Segnor.


XXIII.
Della passion de lo nostro Segnor Iexu Criste.



Pianzi cum li ogi e cum lo cor
la passion de lo Salvao.

1.
Oimè, Zuè, cain renegai,
lo me fijor voi me levai,
et sun la croxe lo ihiavai,
si como ello fosse malfator.

2.
Oimè, fijor senza peccao,
sun la croxe voi sei ihiavao!

XXI. 16-17. Nel ms. non e* è sepfirAzione tra queste due strofe, ma si seguono, come una strofe sola, nella scrìnura al modo stesso che nel senso. — 24-25. Anche queste due strofe sono indivise nel ms. (') F. Lxxxini. r. XXII. 1. G« nel ms, — 10. Lo samgm* [ft] correr ecc. oppure lo sangue eorre[r) ecc. «* la. Pare che prima si scrivesse de te^ poi » corraf> gesse dere. C) F. Lxxxim. V.