Pagina:Giornale Ligustico 10 1883.djvu/342

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

340 GIORNALE LIGUSTICO


XV.
Lo pianto de nostra dona quando Criste morì.


1.
Maria pianzea alla croxe
lo so fijor chi moriva,
et si criava ata voxe:
fijor, a chi lasai Maria?

2.
Maria pianzeiva lo so fijor,
chi moriva son la croxe,
et si languiva dentro da lo cuor
vegando le piage si penoxe.

3.
Ella criava ata voxe:
o fijor me de bone aire,
a chi lasai la vostra maire,
chi de dolore é si feria

4.
A chi roman la vostra maire?
Fijor, chi me dè confortare?
E' ve veigo si penar:
lassa, non ve posso aiar.

5.
Son la croxe me fai ihavar
cum voi fijor pietoxo!
Si morrò, o doce spoxo,
cum voi in compagnia.

6.
Faime morir son la croxe,
fijor, allo vostro lao;
et non lassai viver in dolore
quella, chi v'à tanto amao.

7.
O fijor me senza peccao,
morir ve veigo cum gran peina:
ben de morir la maire dolenta,
chi allo so fijor non po dar aya.

8.
O fijor, o doce paire,
inver mi or agoardai:
et son la vostra maire;
in lo me ventre e' ve portai.

9.
Doce fijor, or parlai
alla trista maire un poco,
et dai arcun conforto
alla dolenta Maria.

10.
Et lo so fijor gi respoxe,
chi la vose comfortare:
or no abiai si gran dolor,
e non pianzi, doce maire.

11.
Zo che piaxe allo mio paire
tuto me conven portar;
si salverò per la mia morte
lo mondo, chi periva.

12.
Non abiai si tristo cor,
doce maire! Non pianzi tanto!
Zoane sera vostro fijor;
a ello e' v'arecomando.

13.
Lassove Zoane in me cambio;
per fijor lo debiai pigiar,
et ello ve prenda a voi per maire,
e sea in vostra compagnia

14.
E' te priego, Zoane,
o doce me parente,
che tu sei alla mia maire
fijor obediente;

15.
e' t'arecomando semper
quella chi è lo mio texoro:
tu serai lo so resoro,
confortandola tuta via.

16.
E' te laso Maria si dolenta;
or la prendi per toa maire,
et in la soa grande peina
tu la debi confortare.

17.
Zoane, e' te voio pregare
de quella che amo tanto;
a ti vergen puro e santo
a ti la lasso in compagnia.

18.
Maria respoxe: oimè, fijor,
oimè, doce me amor,
e' son feria allo cor
d'un iao de gran dolor!

19.
E' lasso lo Creator,
e sì receivo un homo mortar:
che cambio è questo che dè far
la dolenta Maria?

XV. V. 53. — Nel ms. E le priego. Può es- sere la E anche semplice congiunzione. V. 57. — Pure aui può intendersi che e* = eot tgo. Forse qutlla , (}) F. Lxxvni r. che e, oltre comincia per noi il verso success, doveva lasciarsi in fine di questo? Ci parve che nel modo tenuto me- glio tornassero i versi ; e semper fosse meno iaa> tana assonanza a obedienie del v. 56. O F. Lxxvni V.