Pagina:Comici.schiavi.djvu/66

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

54 ATTO

dá intri mati spiriti come ti vei; ma aura no sento tanto ra me desgratia per trováme in ro loego onde ti é tie, e se ti voe che fassemmo da buin paisen, ti nò te ne pentiré.

Min. Son contenta che zughemmo à fáse servixo.

Cap. Oh, se ti voressi intrá à fá unna franseschinna chi ne manca intra nostra compagnia.

Min. Te crei che ghe ruscireiva[?]

Cap. Sì, ma besuegnereiva che ti mi* lasiassi esse ro to galante.

Min. Ti no saressi ro primmo.

Cap. Bezuegnereiva che te dixesse: l'annima mé, mié cuoe, reixe cae, ciera d'oro.

Min. Sì sì, e tutte quelle cose che de noette zù per ra Coella, ò per Portoria canta ra canaggia. Aù eh ti dormi n[']è? Fatteghe fá tanta fieua me basta, o quante ne sentio.*

Cap. Besoegnereiva che te m'accostasse, femmo quinto, così à toccate re masche.

Min. Oh che sì, se piggio unna savatta...

Cap. Cian, non t'astizzá, diggo, se fuissimo insiemme in comedia.

Min. O sciù, mé patronna m'aspieta, areveisse chiù adaxo.

Cap. Aura in fin se ti vorré intrá te daremmo unna bonna parte.

Min. Sì, ma che a ne* sé troppo longa.