Pagina:Comici.schiavi.djvu/65

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

SECONDO, 53

no me caturasse, e ghe diggo: Capitannio, si che s'accosta l'hora che me retire, ma bevemmo un può insieme che faré che ò caroggio dro Fí and[e]rà in [San Loenso - censuao], perchè sò che re muen larghe fan tegní re bocche streit(t)e; lié me responde: Caporá hò puira che questa votta ro caroggio dro Fí ve menerà à ro Paraxetto. Un sbirro che fava dro gratioso, chi s'era accorto dro feriollo o me dixe: Caporá, miré che à foreua dro feriollo è tutta descuxia; ro barexello, chi s'accorse dra magagna, fa segno à ri atri che me tiegnan. Mi ch'haveiva puira che questo feriollo no me fesse fá veira verso ra darsena à pescá da ro barcon, ò ch'o no me menasse à perde sciù a scuggiera dro muoe, che l'è anco piezo, perche lì no vá à savei nuá, diggo fra mie: ma chì besuegna uscíne. Eh, Signori, acciappo tanto de doggiazzo e ciaffe, te ne dago tanto savoriamente sciù re corne à cavagná, che ghe fasso infirá dentro ra tiesta e me ro strascinno sempre per à maneggia con sto doggio à ro collo (che ò pareiva un can corso con ro menno) fin da ro Ponte dri Ciavari, e ri* te ro cazzo in t'un coniggio, e puoe metto man à questa poca carité, e inviesti fradiello con quelli quattro sbirazzi che m'haveivan seguitao, che donde ne zè un, nò ne zè atro; si che per puira de n'andá in tro giuppon de Beltramme à vei ro soa* feto à schacchi, me parse ben d'andamene da Ziena, e me misse à fá ro comediante; onde a cattiva sciorte m'hà feto