Pagina:Comici.schiavi.djvu/192

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


e diggo a vui, leé de li quello faná, che n'oggiemmo lume, zuadigghena pá che 'oeggian fá a luminea, tè, tè, tè quarchun hà feto l'appato di sexendié, ma se ghe tio un manreerso, ghe leco ancoe a natta per dexie a quenti son.

Min. Si, sì mirate attorno, che ro Mondo luxe dixan da poe che re Donne no son da ninte, mi ri ho feti beive tutti trei, e ri ho carreghé de moeo, che no se poeran rieze, e si ben a pá unna burla l'ho feta d'orde dro Rè, perchè come se addorman (e si ro faran presto per quello che veggo) o voe, che ghe piggie quenti papié han addosso, no sò perchè; me vaggo però immaginando ra caosa (che dito, Capoá da gotto?)

Cap. Diggo, che se ro soenno fuisse un'hommo, me 'oré tiá con seigo sinquanta stoché in camixa, ma mie no o veggo, e lié me fà gambetta, che vaggo in strambairon.

Min. Andemmo, che te farò mette in loego da poeite destende.

Cap. E ra camerada?

Min. Che vegnam* tutti, che sei azzebbibé d'unna manera.

Mez. Andem, che hò voia de darm'al sonn' che i hò.

Grat. Veng'anca mi per far un coment'à un sonett'all'improviso.

Min. Passé inanzi, passé: ela unna poisaggia sta chie.