Pagina:Comici.schiavi.djvu/191

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


e de questo tenendo la me parola.

Cap. Mi diggo ro meximo pe ra paeggia.

Min. Laodou se Dié, che a paxe è feta. O, o l'è chì ro terzo chi fa bazigon

Cap. O beemoghe un pó sciù, sciù questa paxe.

Mez. Chi ha tratt' fuor questa foza, che se volt' el rost' in corp' alle persone: che se ghe sona i campanei intro le busech, che se ghe toca tambur, e che se ghe fazz' le moresche: O me sent pur la grand' allegrezza int'el cuor, faran pur i gran salti, se me podess' fermar sù i piè.

Cap. O balla man cogioè, 'egní à beie, e à compagnia se fuissi mille.

Mez. O la no s'incommod', no' l farò mai, anzi lei, la me fass' pur un brindis.

Cap. Hoù, mié coe, beello sottì, come l'aze

O Compá
Chi 'oe scampà
Senza má
De ciorlá
Questo gotto
Donca beei
Per n'iese moé marotto,
Moere re pillore,
Diete, e remedij,
Viva ra bettora,
L'hoste, e ro fondego.

Mez. No empi tanto el bicchier, che l'è poca siviltà.

Cap. Chi è là sciù quello canto? e o diggo, finna e chieebelle me desfian, ma se ghe metto à muin ne mandeò un pá zù da liggia