Pagina:Comici.schiavi.djvu/151

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


chi gh'era sotta, v'havereiva te[g]nuo per chiù matta, che Pero verde tanto l'hei feto da ro naturà.

Dar. T'assicuro ben che le mie parole, se ben parevano senza senno, non erano però senza cuore, & havean senso nel mostrarsi insensate

Min. Pa che sei steta à Ziena à imparà re parole à senso doggio, v'asseguro che da questa vostr'arte, la se ghe ne seze in carrega, se sentissi solo unna dre Comedie che ghe fà ri zoveni à ro Carlevà, e ve gh'addotoreresci dentro, perche ne son tutte pinne, mà quello che ve dareiva chiù gusto, sareiva vei re donne, chi se scompiscian de rie, quando ri sentan, e no s'incallan allargà ro bocchin, per no parei à ri hommi chi re miran ch'aggian inteixo, si no gh[']e cosa che no capisc[i]an.

Dar. In somma ti par ch'io habbia fatto a porposito?

Min. Tanto che me pareiva giusto unna me patronna una votta, ra qua per stà sciù ri soe sinque sodi no s'incallava discroví ra sò affrition à un Cavagliero si à n'havè voeggia. Cosa fella? à se misse depuí senna unna zoeggia graua[sic] à fá dell'invriego, si à ghe ra mostrà tutta.

Dar. Et io pure crederò d'haver mostrato a Radamisto s'ei no havesse poco cervello, com'ha poi ardimento che Daraida è pietosa se ben la regina è severa.

Min. E caxo che ò si intendesse ro zerbo? eh dighero à lettere de scattore che gh'