Pagina:Comici.schiavi.djvu/152

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


orei ben, chi fà 31. poe fà 32 mi no sò tante Regginne, quando ve daggo rà camixa, veggo che sei de carne come mie. In ogni caxo l'è proprio dre personne grende ro tirá innanti ri soe servitui, vorreiva che me cressi, vorreiva che ve lasciassi un pò mette sciù, e fossia ch'o no ve voe ben.

Dar. Credo certo ch'ei m'ami, però per meritar le corrispondenze d'una Regina (massime fatta d'altri) bisogna dar ne gl'eccessi, & a questi non so s'ei v'arrivi.

Min. In fin vui sentí, chi no dà intri eccessi con queste donne de gran condition, no fà niente. Vegnì chi, comandeghe quarcosa d'importantia che o fazze per vui, e assegurevene.

Dar. Aspetta mi sovven forma di scapricciarmi in ciò: vò che gli diamo à credere ch'io sia impazzita da vero, perchè il sentimento ch'ei mostreranne sia misura dell'amor suo.

Min. Fè vui. Mi no serchereiva miga tante rattelle, má bevereiva chiù grosso, avvertí unna votta che no andè sercando ro mà come ri mieghi, con daghe questi affieti.

Dar. Eh che non ci è pericolo: aiutami pur tu à colorire l'inventione

Min. De questo lassemene ra breiga à mi.

Dar. Vello apponto ch'ei viene.