Pagina:Comeddie.DeFranchi.1830.djvu/331

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia


Mon. A l'è a çima do baston, chi ghe sarà arrivâ in dezaxo.
Ger. Ti te doveivi retirà un poco ciù per fâ, che o non ghe poesse arrivà.
Mon. (facendolo rientrare nel sacco) presto ascondeive, che l'è chi un âtro, chi me pâ un Todesco (parla tedesco corrotto). Tartaifel mi caminare tutte giorne come un cavalle, e non poter mai trofare questo Gerostronze, maledette. Signore omme? voi me folete un poco dire dove se trovare queste signore Gestronzie birbone che mi cercare? nò signore mi non ghe sò dire donde sia lo signore Geronzio. Non abiate paura, perchè voler solamente piccole pagatelle: mi voler regalare solamente une dozene de pastonate su la teste, e quattro o cinque stoccate dentre le stomache. Io, signore, ve dico la verità, che non so dove si trova. Mi parere che qualche cosa movere in quelle sacche. Nò signore ghe domando scusa. Oh oh qualche istoria stare la dentre de queste sacche. Niente affatto. Mi venire foglia de dare molti colpi de spada in quelle sacche. Signore ve ne guarderete ben bene. Me mostrare un poche cosa stare in quelle sacche? Adaxo un poco non si può vedere. Cose stare queste adaxe un poco? Ussignoria non ha da vedere quello che porto