Pagina:Comeddie.DeFranchi.1830.djvu/328

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia


Ger. Ti non saveresci trovâ quarche manera per levame da questo affanno?
Mon. Ghe n'ho un intr' l'idea[sic]; ma corro reizego de fame fâ peççi comme a tonin-na.
Ger. Ah Monodda caro, damme un segno do tò zelo, e do tò amô. Non m'abbandonâ te ne prego.
Mon. Questo è quello, che vœuggio fâ. Ho una tenerezza per voî che non porræ per nisciun conto abbandonave.
Ger. Te prometto che ti saræ ricompensao. Stà quieto. E questo vestî che ho indosso, te o regallo, quando l'averô un poco frustao.
Mon. Aspetæ. Ho trovao o moddo de salvave giusto a proposito. Bezœugna che ve mettei in questo sacco, e che...
Ger. (credendo di veder qualcheduno). Hee! Ah!
Mon. Nò, nò, nò, nò. Non gh'è nisciun. Bezœugna, ve dixeivo, che ve mettei chi dentro, e che aggæ reguardo de non ve bosticâ de nisciun-na manera. Ve metterò sciù e mæ spalle a moddo de min-na, o d'un ballotto de roba, e in mezo di vostri nemixi ve porto bello drito in casa vostra. Quando ghe semmo, che vegnan pù avanti; se barichemmo armæ comme serroin, e mandemmo a ciamâ man forte contro a violenza.
Ger. L'invenzion l'è bonissima.