Pagina:Comeddie.DeFranchi.1830.djvu/214

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

mandæro in galea, appicchæro, squartæro, fæne quello che o se merita.

Meist. Meschin mi! non se sà ciù comme fâ à vive. Se diggo ra veritæ, me baston-nan; e se diggo ra boxía, me vœuran fâ appiccâ.

Ans. Orsù, Signore Arpagone, bisogna per questa volta perdonare a tutti.

Arp. Se vorei che ghe perdon-ne, paghæ voî ro Scrivan.

Ans. Via, muoja l'avarizia. Pagherò anche questo. Andiamo, o figli, a partecipare la nostra allegrezza colla vostra madre e mia cara consorte, ed a celebrare le doppie nozze.

Arp. E mi a vedde quella gioja cara dra mæ cascetta.

Tutti. Andiamo.


Fine dell’Atto Terzo.