Pagina:Cavallo Cittara 1665.djvu/254

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Re atre traversie
Ra Peste, ra Moggiè, ra Povertæ,
Lite, Fame, prexion tent'atri moæ,
Tutti han sciù pe ra fin quarche remedio,
Mà con quella non và piggiase tedio,
Che sempre chiù marvaxa, e despietatta
A rieo tutt'in commun
Nò stimando nissiun
Con tutti ò* menna in quà* ra scoriatta,
E senza da dro razo, ni dro tozo
Ben spesso da rescoso,
Quando men se ghe pensa, e lè da vitio
A tira onde ghe tira rò capritio.

Come sieme a l'acciappa
Se a sbertisce un de nui
Vattelapiggia pù sotto ra chiappa
Sciusceghe vn poco intro Paniè dre scioi:
Si nò se può trova*
(Questo è ro parei mie)*
Atro remedio in somma à questo mà,
Che quello che dè à Giobbe un bon Barbie*
Fæto d'unna semenza,
Che in Zeneize se chiamma patienza.

Ma sareian desbaratti.