Pagina:Cavallo Cittara 1665.djvu/255

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Come a di, d'onde veto porto Pesci;
Se chi per patienza vui intendessi
De quella che davanti han serti [Fratti]
Ma vuoeggio dì de quella
Chi nasce in bon terren
D'intri homi da ben,
Che dre Annime giuste è ra Copiella.

Sciù donca a me richiesta
Armandone* de questa
Riei com'homo savio
De qua se voeggie aggravio,
Che contra de vui tente
De sborra* ra fortunna;
In maniera nissunna
Nò scomponei ra mente,
Ma tutto sopportando
Com'un Marte, un'Orlando
Con annimo giocondo,
Son frute d'esto Mondo.

Ad hoc nati sumus
Nil vita nisi fumus,
Mors, error, Tuba, Cinis
Hic est vitæ finis,
Extrema gaudij luctus