Pagina:Cansonetta do scio Reginna 1832.djvu/14

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Ammuggiæ lì comme srtasse,
Vegi, croniche, scarbasse
Rebellâse da-o barcon
Per voeì vedde a Procession!
A l'è cosa da no credde,
Fin-na i Orbi stan a vedde,
Fin-na i Mutti vêuan parlâ.
Da ogni banda sentî criâ
Viva o primmo di Maggioî,
Viva i nostri Protettoî!
Rimbombâ tutto o Quartê,
Viva o gianco, i Santi e Prê!
Un-na cosa da stordî,
Ciù nisciun vêu andâ a dormî,
Frà i evviva e frà e cioccate,
Frà i Conçerti e frà e Cantate,
Comme in trionfo, sempre passa
A và a casa a gran Cazassa,
Ripetendo l'eco intorno:
Viva o gianco fin-na a giorno.

Cattainin, ve l'hò contâ
Tutta a reo: Cose ve pâ?