Pagina:Cansonetta do scio Reginna 1832.djvu/13

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Chi a vêu vedde fâ figûa,
Vadde a veddia illuminâ
(Se no sciuscia o sciô ventûa)
Andâ a casa de ritorno,
Cattainin, che vista bella!
Comme a luxe? a pâ un-na stella,
Anzi o sô de mezo giorno;
Se vedesci poi per Prê?
Che invexendo!... e che allegrie
Che se fà in tutto o Quartê!...
No gh'è bocca chi no rie,
No gh'è man chi no ghe ciocche,
No gh'è stradda chi non fiocche
De bandee; nè barconetti
Che no bruxan da-i lumetti,
Da per tutto gh'è fughetti
E se sente ogni pittin
Sparâ fin-na di sc[c]iupetti.

Se vedesci, Cattainin,
Stradde, porteghi, terrasse,
Buttegon-ne, e butteghin
D'ommi, donne, e figgiêu pin,