Pagina:ASLSP.VI.1868.A.Vigna.djvu/983

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

( ( .H7 ) DOCUMENTI

Lo illustrissimo monsegnor e lo magnifico officio de la bailia, calculao ben ogni speiza, intendem che a voleir armâ e tegnir le dicte galee doi meixi, no pum far questo cum men de altre xxii mila lire. Item se questa monea de che se bizogna non se ha monto presto, tuto quello chi s'è faeto e fa è perduo, persochè li patroim commenseram subito a servir, e chi non haverà forma a darghe lo compimento, elli consumeram lo soldo in lo porto. Item, como voi vei, la stae va passando, e chi non gode lo bon tempo consumereiva lo resto a combater cum lo mar e cum li venti, per le quae caxoin ogni forma di dinae chi se trovasse e fosse lenta, desfareiva li faeti nostri. Ma considerando li dicti illustrissimo monsegnor e lo officio che maravegia parreiva requerî a Sanzorzo nova scripta, se per la scripta faeta de libre xxii mila a trei meixi elli non fossem contentae, ha trovao mainera che lo Officio serà pagao tosto de monti jorni avanti lo termen, e de questo se farà aora subito certo e seguro esso officio in contentamento so, perchè non seandoghe altra via presta a butar fuora questa armâ, se requere che piaxa a questi magnifici protectoi far una scripta de altre libre xxii mila a lo illustrissimo monsegnor et officio de bailia a tempo de sexe meixi, seando lo officio de Sansorzo faeto bem seguro e contento a judicio so e non spendando uno soldo de lo so.

Voi segnoi havei a considerar che chi butasse balotola neigra parreiva veramenti non consegiasse bem Sanzorzo, persochè habiando aora a vender la cabella de lo vim, e possia intra pochi meixi tute le altre, grandissima differentia serà da haveir traeto questa armâ e conjuncta cum quello de lo serenissimo re de Scicilia, a avei lasciao a li inimixi la segnoria de lo mar, e lassao che elli stagam e sivèrnem in le nostre rivere, sea per la vergogna e infamia nostra per tuto lo mundo, sea per lo bom mercao o caristia de le victualie, sea etiandê per le intentioim e speranza daeta a lo dicto serenissimo re. E persochè a la reputation nostra releva monto che paera che simile cose se deliberem unitamenti de buona voglia de ciascum, e non che altri tire e altri mole, voi sei preghae tuti de butar la palotola bianca a fim che se intenda ciascum havei buom animo, la qual opinione varrà assai inter li foresteri e tuti li vexim nostri.

Qua proposita per dictos duos officiales balie presentata, ita lecta, dicti magnifici domini protectores, ad majorem omnium declarationem, jusserunt coram omnibus tunc presentibus proponi per me cancellarium infrascriptum ut infra, videlicet:

Aciò che ciascum di voi intenda cla[i]ramenti le cautioim et satisfactioim de le quae se parla in la posta per la scripta de le lire xxii mila za faeta a