Pagina:ASLSP.VI.1868.A.Vigna.djvu/360

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

anno 1455 ( 338 )

soto sarario de sodi e sta a re[i]xe(i)go de dovei pagà dexe milia sommi de le sentencie che dà, de avanti o no ge ne averemo nisun, salvo quelli chi sercherae de far quello chi non se dè, et de lo derobà o pagà quello che o serà condanao cum evantaglio. Per che a noi par questa cosa abisognar de remedio, e lo remedio che ve diremo per aregordo, e de tuto quello che voi delibererei noi resteremo contenti, chi è questo, che chi a sententia contro se possa apellà cossì come se conten in la regula, e non appellandosse non possa aver remedio salvo da le magnificentie vostre. De ogni altra cossa, come mangiarie sea de forse, comodocumque et qualitercumque intervegna, ne pa monto debito stage a sindicamento e sea exeguio secundo che sarà dito per li soi sindicatoi.

Non vogliamo miga e etiamdee pregamo le m. vestre che 'o prende[i] queste nostre parole a presuntione, ma anzi venire da grande affetione che amo in lo magnifico offitio vostro, asochè se possa far raxone cum pura mente, che la raxone et lo debito habia logo sensa havei timor de alcunna cosa. Vogliamo seiati avisati che non digemo questo per noi, perochè ne basta l'animo a seguì quello che ne pa essere honore de le m. v. dunde e' fussemo certissimi de lantora essere morto. Le m. vostre avranno a provei secundo a quello parà e quello se seguirà. Non altro per la presente, messer Domenendio sea con voi et voi non abandone.

Per comunam vobis scripsimus plene de omnibus occurentibus que affirmamus. Mandatis vestris semper et ubique paratissimus vester etc. Ex Caffa die viii augusti MCCCCLquinto.

Segue il terzo poscritto di mano del console :

♦ MCCCCLV die VI septembris.

Extractum istius missimus vobis quarto modo ut saltem unum habealis. ut resletis de omnibus aduizati. solum ista prò auizare m. vestris quod .... mittatis victualium in quibus sumus et per plus erinius . . saluo si dominus prouidebit. in quo est tota spes nostra. Rogamus igitur m. prelibate velitis in hoc prouidere. nos in hoc vigilamus et facimus que possibilia sunt. In hoc non plus me extendo ncque in alijs occurrentibus. quia de omnibus m. ve- stram per litteram comunam piene de omnibus vos aduizauimus.

Ve pregamo ne vogiè compiaxei de quello ve avemo scripto de sovra de la sententia daeta per noi contra Paris da Mari. Anchora piu presto che se po exclarate quello [che] dovemo avei per la preiza de Marin Cigara, etiamdio quello [che] volen le m. vostre faciamo di li rami preixi chì sum lo caraiho che mandava lo segnor de Sinopi a lo Turcho grande. Etiamdio pregiamo le pre-