Pagina:ASLSP.VI.1868.A.Vigna.djvu/116

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

anno 1 454 ( 94 )

DOCUMENTO XXIX. Istruzioni date ai commissarii Simone Grillo e Marco Cassino per accelerare il passaggio loro e delle navi da Scio a Caffa. 1454 20 agosto (Litterar. offici] s. Georg, ann. 1454-1457). (fol. 21) Protectores etc. Spectatis et prestantibus viris simoni grillo et marco de cassina commissarijs nostris nobis carissimis.

Dilectissimi nostri. Serìa a noi impossibile explicare quanto dolore et admiratione habiamo havuto noi et tuta la citate, inteizo per la nave de Georgio de Oria venuta al presente, la ritornata vostra con le doe nave a Sio, la preiza de li patroni et tuto quello [che] è intravenuto. Noi benché siamo certi che avanti che queste lettere nostre siano a Sio debiate essere passati dentro, tamen siando questa cosa di tanta importanza che per tuta la citate non si parla d'altro, et vedendo alchuna volta intravenire molte cose non pensiate, habiamo deliberato de mandarvi messi et lettere, et avisarvi de quello [che] vogiamo exeguiati. Se queste lettere nostre vi trovaseno fora del mar majore, la qual cosa non crediamo, vi comettiamo che statim sensa dilatione passati dentro cum tute doe le nave. Et a ciò che in ogni caxo possiati exeguire la commissione nostra, vi mandiamo lettere adritiate a Lazaro de Oria, Edoardo Justiniano et Jacobo Spinola, da li quali, o sia quelli de loro [che] serano presenti, potereti haveire fin in la soma de denari [che] bisognereti. Se per qualche caxone da noi non pensiata voi non potesi menare tute doe le nave, vogliamo che in l'una metiati tuti li homini, arme et munitione, et in nome de Dio cum ipsa passati quam primum havereti tempo. Et se pur etiam per caxone a noi incognita non potesi cum niuna de le dicte nave proseguire il viagio, como sopra tuto dexideriamo, eo casu a ciò che non manche in ogni modo passati, vogliamo et vi comettiamo che assoldati una altra nave la quale a iudicio vostro sia apta a tal cosa, et in nome di Dio in ella carrighiati gli homini, arme et munitione, et quanto più presto potereti, passati cum ella dentro et vi adritiati a la via di Caphà. Et perciò che noi a longinquo non possiamo prevedere ogni cosa, vi daghiamo amplissima possansa ed arbitrio in tuta questa materia di procedere secundo a voi parirà così in asoldare novi homini, se quelli asoldati da noi non li potesi conducere, et