Ms. Ricci 1080-2/Con re borze ben stivè

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Mascara dro zuoego devioù
[p. 1r modifica]
Mascara dro zuoego devioù


1
Con re borze ben stivè
à zugà con vuoì vegnimmo
ne da vuoì muoè se partimmo
ch'este borze non vuè

2
Semmo ben che tutte vuoì
no puoeì carte manezà
ma se ve ciavè con nuoì
intre camee à zugà
ben re carte puoeì mescià
ne temeì d'esse accusè

3
Noi mettemmo pre nostr'uso
se con vuoi ciavè zughemmo
ben ro ferro intro pertuso
che crovive ben voggiemmo
pre che nuoì bonne lengue emmo
come sà, chi l'ha provè

4
Questi avari, e scarsa fette
se cren fà tegnì serrà
ra sò borza à re zovenette
no lasciandore zugà
ma l'han sempre sbarrazà
a despieto d'esti tè

5
Deh galanti zovenette
à zugà non ve fè spreme
dentre vostre camerette
femmo froscia à ro men semme
e ro vostro, e ro nostro insemme
sentireì, che o gusta assè

[p. 1v modifica]


6
Senza un poco de zughetto
no puoè ben a donna stà
c[']a l[']a poco atro diletto
n'atro a puoè negotià
si l'è sempre appaegià
unna cosa à cose tè

7
Senza zuoeghi tutti nuoì
che sem'ommi sta non puoemmo
e se pù zugà con vuoì
donne belle no poremmo
fra nuoì hommi zugheremo
si faremo piezo assè

8
Dovereivan ben punì
se hommo, e hommo zuoega insemme
che ciù d'un ne veì rompì
pre che zuoegan troppo assemme
da bizzarri ciù de semme
astriè se dan stocchè

9
Non à ro zuoego desonesto
d'hommo, e donna accompagnoù
se va drito com'è honesto
con ra donna ro zugoù
anzi l'è monto laudoù
s'è de gran neccessitè

10
Tanto gusta esto zughetto
che chi atro no puoè fà
sta derrè con gran diletto
hommo, e donne a veì zugà
ni muè [z]uoè se vè mancà
quarche sodo à zuoeghi tè

11
Tanto gusta esto zugà
che ogni zovena d'ancuoè

[p. 2r modifica]

chi non ha borza appaeggià
sù l'anello zuoegà vuoè
questo annello ha sempre fuoè
chi ghe serve pre dinè

12
Ne despiaxe ben quarcun
chi dro zuoego s'innamoa
si dan sempre treì contr'un
à e donne, e a i ommi ancon
pre zugaghe un quarto d'oa
se ghe perde gran dinè

13
Questo zuoego è dose cosa
ma besuoegna modease
che chi muoè non se ghe posa
tanto presto vè sciugase
che o travaggia à redrisase
tanto o perde sempre muoè

14
Ma ro zuoego o pà si bon
cò nò gh'orde cò sè pposse[sic]
moderà se gh[']e un mincion
chi ha re borze pinnne, e grosse
e o se sciuga fin à i osse
posa a borze pendeghe[sic]

15
A ra prima de cavà
femmo donne d'un Teston
e de sodi un bello pà
pre l'invio nostro son
ma fà resto d'un dogion
à zugà non ne veì muoè

16
Nuoi zughemmo sempre à tempo
pre che savemmo, che amè questo
e ben savemmo quando è tempo
de lasciaghe andà ro resto

[p. 2v modifica]

quando lento, e quando presto
ben zughemmo come amè

17
Poco gusta un ingordon
tanto à semmo o vuoè zugà,
quasi à scanna compagnon
zuoega presto, e zuoega mà
ni con vuoi zuga à sarvà
che zuguoei son strabocchè

18
L'hommo ingordo zuoega presto
ni con donna o s'intarten
ma ghe lascia andà ro resto
à ra prima presto, e ben
puoè desmette ghe conven
intro bon c[']o na ha dinè

19
Un zugoù vero, e perfetto
s'intarten con zovenett
sempre un pezzo con diletto
ni a sbaraggio tutto o mette
poscia[sic] o lascia e rosette
a ra fin se l'ascadè

20
Ma se in grosso zughè semme
vuoi zugà non vorreì puoè
con chi zuoega poco assemme
ni muoÈ in grosso zugà vuoè
e à zugà con ri figgioè
presto, e ben te ri mandè

21
Largo e in grosso vuoì zughè
e chi innanti ha poco resto
pre natura poco ammè
e ghe dè re spalle presto
che ve gusta chiù dro resto
se un bon resto vuoì tiè

[p. 3r modifica]


22
Ni fà crenza vorreì muoè
che vorreì che l'hemmo mette
e che o passe i dinè
chi non ha sodi puo à desmette,
e ro pegno in van ve mette
che atramente non zughè

23
Tutte quente arvì ben l'oeggio
se un bon resto à l'hommo veì
ro qua v'incie si ben l'oeggio
che tirà ghe ro vorreì
ni ve basta duoì, ò treì
mille resti desiè

24
Molte donne gustan chiù
de zugà con un mincion
che buoin resti mette sciù
pre che vense chiù ghe pon
che un zugoù galante, e bon
men fornio è de dinè

25
Che chi chiù streito zugà vuoè
de zugà con re figgiette
ben che largo zuoegan puoè
come vegnan zovenette
che in man dri sodi se ghe mette
s'ha ciù larga facultè

26
Chi ha si pochi sodi à laoù
con vuoì donne zuoega mà
ch'haveì in ira ro zuoego[1]
quando in grosso, o non puoè fà
pre che largo uzè zugà
vuoi che haveì tesoro assè

27
Ne despiaxe un'avaronna

[p. 3v modifica]

chi ressetta ogni zugoù
pù che o l'aggie borza bonna
e com'un a n'ha sciugoù
l'atro è in'orde appaeggioù
ni tralascian pre dinè

28
De zuguoeì ra donna avara
nuoette, e giorno à pin ra cà,
chi ghe monta, e chi ghe caa
ch'intra, ò esce, ò ven, ò va
che da testa ogn'un ghe dà
dentre porte sbarrazzè

29
Quando ha tanta ingorditè
unna donna è gran deffetto
pre che a peira gente assè
ni da lè se n'esce netto
c[']a no zuoega pre diletto
ma regagna pre dinè

30
Se un zugoù zoga pre tutto
onde averte o vè re porte
con chi zuoega spesso brutto
ro vei dà pre mala sciorte
e dro pei ghe lascia forte
ch'è verguoegna, e duoeggia assè

31
Vuoi seì reixe dro cuoè nostro
figgie, e zovene da ben
e o nostro, è tutto vostro
che l'hè drito monto ben
e à vuoi sole se conven
che re borze à nuoi vuè.

  1. megio ro zugaoù